LA STAMPA

I confetti Papa Dolceamaro sbarcano nel Far East

Americani   e cinesi   si scoprono   ghiotti   di confetti, praline e ma­ carons, rigorosamente made in Molise. Dei sei milioni di fatturato della Papa-Dolceamaro la metà arriva dalle esportazioni: Stati Uniti e Canada in testa, seguiti da Regno Uni­ to, Germania, Polonia, Au­ stria, da ultimo anche Nuova Zelanda e Cina. «Negli ultimi due anni abbiamo investito nei paesi dell’est Europa e ne­ gli Emirati Arabi, ora si inizia­ no a vedere i primi risultati commenta Silvano Papa, con il fratello Claudio alla guida dell’azienda fondata dal padre Pietro nel1975. Fin dall’inizio abbiamo puntato sull’estero, studiando con attenzione i gusti e le preferenze del pubblico: l’obiettivo è portare un prodotto adatto al consumatore, dalle materie prime al packaging». Se in Italia i confetti si acquistano solo per le cerimonie, all’estero sono considerati un dessert.

Leggi di più

IL SOLE 24 ORE

Approfondimento de Il Sole 24 Ore: La carica delle 101

Chi ha scelto, per tempo, di ope­rare sui mercati esteri, nella gran parte dei casi, si è messo oggi al riparo dalla crisi italia­ na dei consumi. Non si differenzia da altre storie d’impre­ sa, in questo senso, quella di Papa-Dolcea­ maro, azienda molisana (di Monteroduni, paese di 1.500 abitanti in provincia di Iser­ nia) specializzata in confetteria e produzio­ ne di cioccolato, la quale ha operato con un occhio particolarmente attento ai mercati esteri sin dalla svolta aziendale avvenuta nel1987-88, con l’arrivo alla guida della so­ cietà dei fratelli Claudio e Silvano Papa che rilevarono il laboratorio di bomboniere dei genitori Pietro e Rosa aperto nel ’75. La differenza e l’originalità la fa il fatto che i due fratelli compresero che limitare la sfe­ ra d’azione alla produzione di confetti e al proprio territorio particolare, al Molise e al massimo al Centro-Sud, non avrebbe por­ tato molto lontano.

Leggi di più

IL SOLE 24 ORE

Guardare lontano per costruire il futuro dell’Azienda e del Paese

La sfida imprenditoriale di Papa Dolceamaro è sulle pagine de “Il Sole 24 Ore”: il giornalista e scrittore Adriano Moraglio racconta, in un lungo articolo apparso oggi, la scelta lungimirante di due fratelli coraggiosi di guardare all’Estero, e annuncia gli importanti progetti d’innovazione che attendono tutti noi nei prossimi mesi. Siamo davvero felici di condividere con voi questo momento così importante, per la nostra azienda e per le nostre vite: è un riconoscimento incoraggiante della nostra passione e della nostra storia, è la riprova che ci avevamo visto giusto fin dall’inizio!

Leggi di più

Il Gambero Rosso ha inserito l’azienda Papa Dolceamaro nel volume Sua Eccellenza Italia.

Il Gambero Rosso, paladino della migliore enogastronomia italiana, ha inserito l’azienda Papa Dolceamaro nel volume Sua Eccellenza Italia, l’albo d’oro che per il secondo anno seleziona “quelle realtà, nei settori del Cibo, del Vino e dell’Ospitalità, che per qualità e per storicità rappresentano la migliore testimonianza dell’eccellenza italiana”. Siamo davvero orgogliosi di un nuovo, prezioso riconoscimento che premia l’impegno quotidiano di tutte le nostre maestranze e la ricerca inesausta dell’azienda al servizio dell’innovazione nella tradizione. È un importante motivo d’orgoglio e di gioia che giunge in un momento di svolta in cui scegliamo di condividere il cammino intrapreso, ormai quarant’anni fa, attraverso i nuovi media. Brindate con noi!

Leggi di più

IL QUOTIDIANO DEL MOLISE

A.A.A Confetto isernino cerca mandorla molisana per felice matrimonio

In un sistema dell’industria agroalimentare molisano che, nonostante le  continue sollecitazioni di Coldiretti Molise, vede spesso tentati gli industriali a cercare materie prime non eccellenti all’estero per lucrare sui costi di produzione, che un industriale molisano si attivi per collegare la sua produzione alimentare a produzioni agricole locali è un elemento significativo da rilevare.“La produzione di mandorle è un’opportunità nuova per l’agricoltura molisana” è quanto dichiarato con forte trasporto da Claudio Papa, che ha lanciato il suo appello ad investire su tale produzione, annunciando di essere disponibile a garantire l’acquisto delle mandorle, intervenendo nel corso del convegno della 41esima mostra mercato del vino a Macchia di Isernia, in quanto la sua azienda ha deciso di affrancarsi dalla dipendenza dei mercati stranieri per tale prodotto, piantando a mandorle alcuni ettari di terreno e sollecitando altri a farlo.

Leggi di più

Le poche imprese molisane ancora capaci di proiettarsi verso l'internazionalizzazione

Un evento tutto dedicato alle imprese e alla nostra terra quello organizzato nella sede dell’Unimol di Campobasso dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Isernia. Un evento sull’internazionalizzazione delle imprese patrocinato dall’Università degli studi del Molise, dalla Camera di Commercio Unica e da altri Ordini professionali, che ha visto la presenza dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e dell’Ordine degli Avvocati di Campobasso Isernia e Larino nonché dei Consulenti del Lavoro di  Campobasso e Isernia.Sponsorizzato dalla Teamsystem spa leader nei software gestionali e nei servizi di formazione, la manifestazione ha assunto una veste regionale e che ha riunito attorno allo stesso tavolo vari attori dell’economia: imprenditori, consulenti, rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali.

Leggi di più

TRATTO DA LINEA VERDE - RAI UNO

Un viaggio alla scoperta della fabbrica Papa Confetti e Cioccolato

In un sistema dell’industria agroalimentare molisano che, nonostante le  continue sollecitazioni di Coldiretti Molise, vede spesso tentati gli industriali a cercare materie prime non eccellenti all’estero per lucrare sui costi di produzione, che un industriale molisano si attivi per collegare la sua produzione alimentare a produzioni agricole locali è un elemento significativo da rilevare.“La produzione di mandorle è un’opportunità nuova per l’agricoltura molisana” è quanto dichiarato con forte trasporto da Claudio Papa, che ha lanciato il suo appello ad investire su tale produzione, annunciando di essere disponibile a garantire l’acquisto delle mandorle, intervenendo nel corso del convegno della 41esima mostra mercato del vino a Macchia di Isernia, in quanto la sua azienda ha deciso di affrancarsi dalla dipendenza dei mercati stranieri per tale prodotto, piantando a mandorle alcuni ettari di terreno e sollecitando altri a farlo.

Leggi di più